Blog2019-04-24T08:11:31+00:00

Blog

La Puglia dei muretti a secco

La storia dei muretti a secco è più antica di quanto si pensi. Diffusi in tutto il mondo, sono la prima forma di costruzione dell’uomo che, ancora oggi, resiste al tempo. Con le sue pietre grezze o semilavorate divide i terreni, soprattutto in Puglia, tra gli ulivi.

Un inaspettato riconoscimento per l“arte dei muretti a secco è arrivato nel novembre 2018 quando l’UNESCO l’ha inserita nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’umanità. E questo in quanto rappresentano una relazione armoniosa fra l’uomo e la natura”. “Le strutture a secco sono sempre fatte in perfetta armonia con l’ambiente e la tecnica esemplifica una relazione armoniosa fra l’uomo e la natura”, ha spiegato l’Unesco. “Si tratta di uno dei primi esempi di manifattura umana ed è presente a vario titolo in quasi tutte le regioni italiane, sia per fini abitativi che per scopi collegati all’agricoltura”.

Nella motivazione dell’organizzazione delle Nazioni Unite si legge ancora che “L’arte dei muri a secco riguarda tutte le conoscenze legate alla costruzione di strutture di pietra ammassando le pietre una sull’altra, non usando altri elementi se non le pietre stesse e a volte terra a secco in particolare per i terrazzamenti necessari alle coltivazioni in zone particolarmente scoscese”.

La pratica viene trasmessa principalmente attraverso l’applicazione concreta alle particolari condizioni di ogni luogo in cui viene utilizzata”, ha spiegato l’organizzazione, ricordando che spesso i muretti a secco “svolgono un ruolo vitale nella prevenzione delle slavine, delle alluvioni, delle valanghe, nel combattere l’erosione e la desertificazione delle terre, migliorando la biodiversità e creando le migliori condizioni microclimatiche per l’agricoltura”.

L’Italia aveva presentato la candidatura insieme a Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera. Tra le regioni promotrici della candidatura c’era proprio la Puglia per tutelare una tradizione che ha uno dei suoi punti di forza in Puglia, ma che unisce in pratica tutta la Penisola.

By |Marzo 21st, 2019|Categories: Uncategorized|0 Comments
Questo sito Web utilizza cookie e servizi di terze parti. Per maggiori informazioni clicca qui. Se per te va bene clicca su Accetto e continua a navigare! Accetto